21 Settembre 2016

Buschenschank: le osmize della Stiria!

Alla scoperta del viver sano ...

Dove andare a rilassarsi e a fare il pieno di benessere in Stiria ve l’ho già suggerito: al Rogner di BadBlumau .

Se cercate invece qualche posticino in Stiria tipico del territorio vi consiglio di andare a consultare il sito: http://www.thermenland.at/it dove troverete alloggi, terme, offerte e gastronomia!

Ma ecco la mia esperienza tra le verdi colline austriache...

Sono a soli 20 minuti da Graz, quasi al confine tra Ungheria e Slovenia, in una terra dove tutto è possibile, talmente affascinante da scoprire che mi hanno convinta pure a mettermi in sella ad una bicicletta per coglierne la vera essenza!

Così eccomi su una bici per diversamente sportivi, quella con la pedalata assistita!

Miss_Claire_Bad_Blumau-1039

Una bomba! Non so se voi l'avete mai provata, per me era la prima volta, ma come si dice "mai più senza" tanto che vorrei fare un “Pimp my Bike” e modificare la mia amata due ruote.

Con questi potenti mezzi sono riuscita ad affrontare tutte le salite di questo territorio collinoso, in salita sentivo la voce della telecronaca:"Pantani, Garzelli e poi ancora Pantani, ma ecco arrivare MissClaire ..."

Non ho mai apprezzato così tanto questo sport come con la mia bici elettrica! Così attraversando ad alternanza campi di pannocchie a campi di zucca, abbiamo potuto sostare a Speillbrunn nel comune di Bad Blumau, dove c'è una madonnina da cui esce una sorgente d'acqua, che si dice sia miracolosa per la vista.

Miss_Claire_Bad_Blumau-1040

Miss_Claire_Bad_Blumau-1078

Miss_Claire_Bad_Blumau-1079

Miss_Claire_Bad_Blumau-1041

Miss_Claire_Bad_Blumau-1042

Da qui siamo ripartiti alla volta di Thaller, un'azienda che produce formaggi e che rivende i suoi prodotti per tutta la zona. Qui funziona molto bene il contatto tra contadino e struttura turistica; infatti tutte le aziende agricole vendono i loro prodotti a hotel e ristoranti, in modo da creare una filiera breve, dove il contadino è felice perchè non deve sovrastare alle leggi del mercato della grande distribuzione ed alle sue leggi imposte, ed il ristoratore o l'albergatore possono offrire i prodotti della loro terra ai loro ospiti, presentando i sapori della tradizione stiriana!

Miss_Claire_Bad_Blumau-1043

In sella al mio bolide, in versione turbo, affronto la salita alla collina, per raggiungere in vetta la Buschenschank (osteria del contadino) che mi aspetta per rifocillarmi!

Miss_Claire_Bad_Blumau-1044

Miss_Claire_Bad_Blumau-1047

Miss_Claire_Bad_Blumau-1009

Quando riesco a trovare dei collegamenti tra storia, cultura ed enogastronomia mi si apre il cuore, così appena arrivo a Bergstadl, mi rendo conto (curiosando tra i piatti dei commensali) che sembra proprio di essere in una comune Osmiza del Carso Triestino!

Miss_Claire_Bad_Blumau-1052

Ebbene sì, è proprio così, perchè anche qui, alla stessa maniera, i prodotti presentati e messi a servizio del cliente sono le prelibatezze del contadino e nulla di più! Qui si beve del buon vino della cantina di proprietà (Pichler), e con un buon bicchiere di Samling, composto dall' 80% di bianco e 20% di rosso, assaggerò dei piatti freddi di prosciutto, formaggio e salame.

Ma come non concludere con un peccato di gola degustando un buon buchteln?

Miss_Claire_Bad_Blumau-1056

Il buchteln è un dolcetto prelibato, una specie di krapfen non fritto fatto con pasta lievitata e dal cuore ripieno di marmellata all'albicocca.

Solitamente li avevo assaggiati sempre di dimensioni "umane" come un piccolo krapfen, ma qui me lo hanno portato in versione "stai morendo di fame e devi nutrirti": una fettona enorme affogata in una terrina di crema calda alla vaniglia! MORTALE!

Miss_Claire_Bad_Blumau-1055

Miss_Claire_Bad_Blumau-1102Così su questa collinetta che sovrasta la valle sottostante, immersa tra le vigne, mi godo il fresco estivo e dopo chiacchere, cibo e vino (ATTENZIONE CHE IN AUSTRIA NON SI PUO’ GUIDARE LA BICI DA UBRIACHI, IL LIMITE E’ DI 0.80 E HO VISTO FARE LA PROVA DEL PALLONCINO ANCHE AI CICLISTI), decidiamo di rientrare in hotel.

Costeggiando la strada principale, ma percorrendo una stradina sterrata, illuminati solo dalla lampada della bici e sotto un cielo stellato, siamo rientrati in albergo.

Qui la vacanza è orientata solo al benessere fisico e mentale, dove la natura regala grandi doni, dal paesaggio ai frutti della terra.

Miss_Claire_Bad_Blumau-1077

Miss_Claire_Bad_Blumau-1050

Ora siamo alle porte dell'autunno e ci rimane ancora l'ultima domenica di settembre (25 settembre) dove a Bad Walterdof ci sarà la festa tradizionale dei viticoltori, e durante tutta l'ultima settimana nei dintorni del Castello di Riegersburg ci saranno le giornate "delle porte aperte" con 9 laboratori di produzione gastronomica.

Poi arriverà il Natale e l'Avvento con il weekend dei mercatini di Natale a Bad Radkersburg, Schloss Kornberg, Feldbach e Furstenfeld.

Perciò anche se la bella stagione è quasi conclusa, non preoccupatevi perchè in Stiria c'è sempre qualcosa da fare!

Ph. Andrea Zangrando

Miss_Claire_Bad_Blumau-1049

Miss_Claire_Bad_Blumau-1046

Miss_Claire_Bad_Blumau-1048

Condividi l'articolo

Ti potrebbe interessare anche:

“Trattoria al Cacciatore”, alla Subida per una cena speciale

Tra tradizione, territorio e stagionalità ecco le proposte della casa
Vi ho appena raccontato la mia esperienza tra le colline del Collio e la grande ospitalità della Subida. Siamo sempre…
Scopri altro

Maritani artigiani di pasticceria in Friuli Venezia Giulia

Apriranno le porte del loro laboratorio per 10 lettori di MissClaire
Era Dicembre 2015  quando vi avevo raccontato qualcosa di questa dolce storia dal nome Maritani, ma questa favolosa azienda di…
Scopri altro

Viaggio tra i caffè storici di Trieste

Alla scoperta dell'anima mitteleuropea della città!
Può una tazzina di caffè, una semplice tazzina di caffè, avere qualcosa da raccontare? Io dico di sì. E la…
Scopri altro

L’albero Nascosto Boutique Hotel

Soggiornare nel cuore di Trieste, a due passi da piazza Unità d’Italia
Correva il lontano gennaio del 2015 quando usciva il mio primo articolo nel blog. E cosa vi raccontavo? Proprio dell’Albero…
Scopri altro