L’autunno insieme a FVG Via dei Sapori

Gli “artigiani del gusto” da Jermann

Ma chi l’ha detto che l’autunno è una stagione triste e uggiosa? Per me è l’occasione di organizzare gite fuori porta per immergersi nella natura, ammirando i colori degli alberi, assaporando i sapori dei frutti tipici di questo periodo.

E che c’è di meglio di poterlo fare nella splendida cornice della cantina Jermann, adagiata sulle morbide colline del Collio goriziano, gustando le specialità di alcuni tra i migliori chef, vignaioli e produttori regionali?

Oggi vi racconto infatti dell’ultimo lunch show organizzato dala Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori che si è svolto sabato 11 novembre, il giorno di San Martino.

La prima cosa che mi colpisce appena arrivata è la struttura che ospita la nuova cantina a Ruttars. Costruita esattamente 10 anni fa, ricercata nei dettagli architettonici, integra in maniera armoniosa con il paesaggio le migliori tecnologie dell’industria vitivinicola.

Il clima è quello delle grandi feste, gli ospiti vengono accolti dai primi bicchieri di Ribolla Gialla e dagli “artigiani del gusto” che propongono i loro prodotti come antipasto: andiamo dalle ostriche selvagge ai prosciutti dalle diverse stagionature e preparazioni, dai formaggi al pane al lievito madre arricchito da spezie e aromi.

Foto : Fabrice Gallina
Foto : Fabrice Gallina
Foto: Alessia Della Rossa
Foto: Alessia Della Rossa
Foto : Fabrice Gallina
Foto : Fabrice Gallina
Foto: Alessia Della Rossa
Foto: Alessia Della Rossa

missclaireviadeisaporifvg

Il percorso enogastronomico passa attraverso la scenografica cantina con le gigantesche botti di quercia dove viene prodotto il Vintage Tunina, il più premiato vino di casa Jermann, e dove ogni dettaglio testimonia la passione che questa famiglia ha messo da molte generazioni nell’azienda.

missclaireviadeisaporifvg1

Al piano superiore trovano spazio in diverse sale i 21 ristoratori locali e, novità assoluta, i 4 stranieri che ci deliziano con i loro piatti abbinati a vini delle loro zone. Questa è un’edizione speciale perché per la prima volta è voluto coinvolgere anche dei ristoratori e produttori di vino provenienti da Slovenia, Austria e Croazia (una volta di più vi posso testimoniare che in queste zone ci sentiamo parte della Mitteleuropa, più che di una regione italiana di confine!). Una bella occasione per me per riassaggiare il tartufo di Dam e le leccornie istriane di Meneghetti (di cui vi avevo già parlato in passato).

Come potete immaginare a farla da padrone sono i sapori dell’autunno: funghi, tartufo, zucca, carciofi, castagne e carni di selvaggina valorizzati al meglio e accompagnati dagli ottimi vini dei venti e più vignaioli presenti e dai famosi distillati Nonino, proposti anche come cocktail (delizioso l’americano rivisitato!!)

Foto: Alessia Della Rossa
Foto: Alessia Della Rossa
Foto : Fabrice Gallina
Foto : Fabrice Gallina
Foto: Alessia Della Rossa
Foto: Alessia Della Rossa
Foto : Fabrice Gallina
Foto : Fabrice Gallina

Nel patio interno, dove la fontana centrale fa da tunner solare per illuminare gli spazi sottostanti, è stato organizzato un fuori programma speciale, perché come ricorda il padrone di casa Silvio Jermann, l’11 novembre ricorre la Festa del Ringraziamento, che nel mondo agricolo è segno di gratitudine per il raccolto e per quanto ricevuto l’annata appena trascorsa. Ha voluto quindi allietare i suoi ospiti con la performance del cantante lirico russo Michail Ryssov (accompagnato al pianoforte dal maestro Andrea Rucli) che ha intonato alcune arie.

Esibizione magnifica che non tutti hanno saputo apprezzare, preferendo non distogliere nemmeno per un attimo l’attenzione dai deliziosi cibi e dai profumati vini e distillati…. de gustibus!

Foto : Fabrice Gallina
Foto : Fabrice Gallina

missclaireviadeisaporifvg3

 

Share / CondividiShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Commenta