17 Dicembre 2018

Wrocław/Breslavia: 10 cose da non perdere

Ecco cosa ho scoperto per voi : i Mercatini di Natale, lo Zoo, il Museo di Arte e quello di Storia e ...

Ci siamo, stiamo per arrivare alla fine del nostro viaggio a Breslavia (se vi foste persi gli articoli precedenti, cliccate qui per il primo e qui per il secondo).

 

  1. IL MERCATINO DI NATALE

 

Il periodo natalizio chiama bancarelle, dunque come non citare il mercatino più grande d’Europa dopo Berlino? Jarmark Bozonarodzeniowy è aperto fino al 31 dicembre prossimo, ma la giornata clou è quella del 6 (ormai passato!). Nel giorno di San Nicolò qui si tiene una parata di elfi con tanto di arrivo di Babbo Natale; con l’accensione del mega albero decorato il mercatino vive inoltre il massimo del suo splendore!

Tenete presente che questo viene considerato uno dei più bei mercatini d’Europa; il quotidiano tedesco Die Welt lo ha infatti inserito nella classifica dei mercatini natalizi più suggestivi del vecchio continente assieme a quello di Strasburgo, di Norimberga e Bolzano.

160 casette di legno collocate nella cornice della piazza principale di Rynek tra luci e giochi per bambini; sessanta gli stand dedicati agli artigiani locali, mentre i restanti vengono assegnati ad artisti provenienti da tutto il mondo. Novità di quest’anno sono tre casette di tre piani dove poter sorseggiare un buon vin brulè al caldo.

  1. WROCŁAWSKIE ZOO

 

Lo zoo di Wrocław con i suoi 33 ettari di parco è il più antico della Polonia. Inaugurato nel 1865, accoglie più di 2 milioni di visitatori all’anno e attualmente ospita 7808 animali di 1082 specie diverse; al suo interno, nella zona dedicata ai più piccoli, i cuccioli di animali interagiscono con i bimbi. Sempre qui si tengono interessanti workshop.

Il giorno della mia visita nevicava, motivo per il quale ci siamo rifugiati nell’AFRYKARIUM (un mix tra Africa e acquario) che è diviso in due parti; la zona outdoor riproduce la costa della Namibia con due spiagge per foche e pinguini (la vasca dei pinguini è la più profonda al mondo, 4,5 metri) divise da una struttura che ha la forma di una nave ed è dotata di terrazza panoramica per i visitatori.

La zona interna ospita invece quattro diversi habitat: fauna della spiaggia e barriera corallina del Mar Rosso, fauna del Canale di Mozambico, fauna della giungla del Congo e fauna dell’Africa orientale. Le piscine accolgono anche degli ippopotami che si possono ammirare pure sott’acqua grazie alla presenza di pannelli trasparenti.

La più importante attrazione dell’Afrykarium è tuttavia il Tunnel del Canale di Mozambico, divenuto simbolo dello zoo; lungo 20 metri, ha una grande finestra larga 40 metri quadrati, realizzata con un vetro di 30 cm di spessore. Questa galleria attraversa la vasca e consente al visitatore di osservare gli animali avendo la sensazione che ci si trovi immersi in acqua insieme a loro!

 

  1. CENTENNIAL HALL/LA SALA DEL CENTENARIO

 

Arrivati fin qui non potrete non attraversare la strada e raggiungere, proprio di fronte allo zoo, la Sala del Centenario realizzata dall’architetto Max Berg. Costruita tra il 1911 e il 1913, venne inaugurata durante le celebrazioni per il centenario della battaglia di Lipsia. La cupola, realizzata in cemento armato e con un diametro interno di 65 metri ed un'altezza di 43, possiede dimensioni che all'epoca della sua costruzione ne fecero il più grande edificio del suo genere.

La struttura è Patrimonio dell’Umanità dell'UNESCO dal 2006. Ad oggi qui si tengono eventi sportivi e concerti (quando ci sono stata io ospitava una fiera del libro ed un mercatino dell’artigianato...ed è qui che ho acquistato una sciarpa ed un cappello fatti dalle sapienti mani di due ragazze polacche) HatsOffHandMade

  1. NATIONAL MUSEUM IN WROCŁAW/MUSEUM OF CONTEMPORARY ART

Una volta usciti dalla Sala del Centenario dovrete fare solo 100 passi per arrivare al Museo di Arte Contemporanea. La visita è d’obbligo, qui potrete ammirare la permanente di artisti polacchi (quella che ho visitato io per questioni di tempo) oppure le mostre temporanee. Posso dirvi che sono rimasta senza parole. Da Jerzy Kalina a Kazimierz Mikulski, da Magdalena Abakanowicz a Wojciech Fangor...beh, uno spettacolo 🙂

L’edificio possiede inoltre un bar interno dove potersi rifocillare e scaldare un pochino nelle giornate di freddo tagliente!

  1. MINIATURE/KOLEJKOVO

Se vi trovate a Wrocław con i più piccolini, vi consiglio la tappa nel mondo in miniatura a Kolejkovo aperto qualche anno fa. Due piani con 3437 figurine di persone e animali, 242 edifici, 510 metri di massicciate, 15 treni e 60 carrozze. I piani si illuminano simulando l’alternarsi del giorno e della notte; potrete ammirare scene di vita quotidiana rappresentate in miniatura, dalla suora che va in bicicletta all’amante che scappa dalla finestra. Divertentissimo!

  1. CENTRUM HISTORII ZAJEZDNIA/IL MUSEO DI STORIA

 

Se siete curiosi di scoprire la storia di Breslavia e della Polonia non potete non passare al Museo di Storia. Ospitato nei locali di un ex deposito di autobus, vi racconterà le vicende del Paese dal 1939 ai giorni nostri!

  1. HYDROPOLIS, CENTRO DI CONOSCENZA DELL’ACQUA

 

Nato in un ex centrale idroelettrica, ecco HYDROPOLIS 

Inaugurata nel 2015, questa mostra racchiude varie tecnologie multimediali, installazioni interattive, repliche e modelli fedeli con l’unico scopo di mostrare l’acqua da varie prospettive. 4000 metri quadrati d’esposizione che vi farà vivere esperienze irripetibili come sdraiarvi in una riproduzione della foresta per osservare il Rio delle Amazzoni o gli Oceani attraversando pareti d’acqua vaporizzata.

Ci siamo, con il punto numero dieci ho terminato il tour di Breslavia. Mi sono emozionata, divertita, stancata, stupita e non vedo l’ora di poterci ritornare, magari in primavera per scoprire nuovi angoli della città...e perché non partire dal Giardino Giapponese e dalle rose in fiore?

Grazie Wrocław e grazie all’Ente del Turismo Polacco che mi ha dato la possibilità di scoprire questa perla 🙂

Foto Lara Perentin

L'articolo si trova in: 

Condividi l'articolo

Ti potrebbe interessare anche:

Alberto Rocca: sculture di legno Made in Trieste.

Creazioni che nascono da un legame profondo con la natura.
Come sempre nasce tutto per caso ... Dopo l'uscita di un articolo sul quotidiano locale di Trieste "Il Piccolo", che…
Scopri altro

Thermana Laško: le terme perfette per la famiglia

Tre giorni tra scivoli, giochi d’acqua e Ayurveda
Se mi seguite (ed inseguite) sui social saprete che sono appena rientrata a casa dopo una tre giorni a Laško,…
Scopri altro

Valli del Natisone sconfinando in Slovenia

Due giorni e cinque tappe a poco più di un’ora da Trieste
Ebbene sì, avete letto bene. Solo un’ora e quindici minuti da Trieste, anche se la parola “valli” porta la mente…
Scopri altro

Grado, le 5 cose da non perdere

Ritorno sull’Isola d’oro tra mare, vino, barca, artigiani ed ospitalità
Ritorno anche a Grado. Ebbene sì, almeno una volta all’anno devo tassativamente “timbrare il cartellino” sull’Isola d’oro per salutare i…
Scopri altro