23 modi di andare al mare (anzi, al bagno) a Trieste

Piccola guida alle spiagge della città tra natura selvaggia e lidi esclusivi

Mare profumo di mare…
L’estate è ormai giunta anche a Trieste ed io non potevo non accoglierla nel migliore dei modi. Come? Ma semplice! Con un articolo che vi porterà a conoscere spiagge e stabilimenti balneari che costellano la città. Perché a Trieste quando si tratta di “andar al bagno” la scelta è davvero ampia. Dimenticate dunque le distese chilometriche di ombrelloni stile Riccione: non troverete nulla di tutto ciò!

Ah sì, mettiamo subito le cose in chiaro; qui non si dice “andare al mare”. Assolutamente. Il triestino va proprio “al bagno”, espressione che suscita spesso una certa ilarità tra chi non è del posto. Ma d’altronde come dargli torto? A Trieste è sufficiente inforcare un paio di infradito, fare due passi e sei subito in spiaggia. Più o meno la stessa cosa di immergersi nella vasca da bagno di casa!

missclairespiaggie3

E dove va a rinfrescarsi e prendere la tintarella? Vediamolo assieme partendo da Muggia passando  per Trieste ed arrivando fino a Duino!

1.Fido Lido a Muggia. Uno spazio unico nel suo genere perché interamente pensato per gli amici a quattro zampe e per i loro padroni. La spiaggia, dotata di un ring sgambatura di 800 metri quadrati, offre ogni tipo di comfort.

dalmati

2.Muggia spiagge libere. Dal lungomare Venezia al molo T fino ad arrivare al Lazzaretto. Chilometri di cemento, intervallati qua e là da qualche spruzzata di ciottoli, dove distendersi e rilassarsi. Se siete amanti di Barcola non potrete non apprezzare anche l’offerta della cittadina rivierasca.

3.Stabilimento Bagno San Rocco, sempre a Muggia. Attrezzato, a misura di bambino (c’è pure un’area gioco per i più piccoli) e dotato di ogni comfort. Se amate i tuffi mettetevi in fila da ora! Potrete lanciarvi dal trampolino.

4.Ausonia A due passi dal mitico Pedocin sorge una struttura balneare di tutto rispetto, nata nel 1937 dall’unione del bagno Militare Sant’Andrea e dello stabilimento Savoia. 1500 metri quadrati di superficie prendisole, piscina con acqua di mare, solarium, trampolini e – per i più piccoli – una tranquilla spiaggia con sassolini. Non mancano poi il bar e la suggestiva terrazza ristorante. Serve altro?

5. Alla Lanterna o Pedocin, sul molo Fratelli Bandiera, immerso nel tessuto cittadino. Ha forse bisogno di presentazioni? Più unico che raro si tratta dell’ultimo stabilimento balneare in Europa ad essere diviso per uomini e per donne (con bimbi sotto i 12 anni). Un candido muro separa infatti le due zone; e questo dal 1903, anno della sua inaugurazione. Se vuoi sentirti un triestino Doc, non puoi non farci un salto…o un toc!

6. Antica Diga Sogno o son desta? Una piccola oasi in mezzo al golfo raggiungibile in pochi minuti da piazza Unità tramite apposito collegamento via mare. La peculiarità della diga è proprio questa: essere lontani dalla città…pur essendo in città! La pecca? Al momento non ha ancora riaperto i battenti.

7. Il Bagno Marino Ferroviario di viale Miramare merita una menzione. Nato nel 1925 quale colonia marina, fino agli anni Settanta era riservato ai dipendenti delle Ferrovie dello Stato che qui venivano con le loro famiglie. Lo stabilimento offre una piattaforma per tuffi, una spiaggetta per i più piccoli e la spiaggia vera e propria…rigorosamente in cemento. Frequentatissimo anche per pranzi, cene e serate danzanti.

8. B come Barcola Alzi la mano chi non ha mai fatto un salto sul lungomare più famoso di Trieste. Vediamo in quanti siete! In questo periodo, con il caldo che avanza, Barcola viene letteralmente presa d’assalto dagli amanti del mare e della tintarella. C’è chi si porta il lettino da casa, chi solo un asciugamano e chi ci passa tutto il giorno. Dall’alba al tramonto, magari sostando in pineta alla ricerca di un po’ d’ombra: questa è Barcola Beach! La spiaggia libera più celebre della città – serve dirlo? Asfalto puro, niente sabbia! – è un punto fermo per i triestini.

19978261

Idem i mitici Topolini, dieci terrazze semicircolari (la loro forma ricorda proprio le orecchi del simpatico topo della Disney) affacciate sul mare e super frequentate da giovani e non. Vi è venuta voglia di fare un toc? Per raggiungere l’acqua è possibile calarsi dalle apposite scalette o tuffarsi. Come l’Ausonia, anche questo è il paradiso delle clanfe!

E il bivio? Sì, non me lo sono scordata. Dove la Costiera si separa dalla strada che porta al Castello di Miramare c’è proprio il bivio, anch’esso meta prediletta dai triestini.

9. Se vi dico “scoglio della meditazione” cosa mi rispondete? Bagno Sticco, ovviamente. Situato sul viale d’accesso al Castello di Miramare e confinante con l’omonima Area Marina Protetta, questo stabilimento offre acque cristalline e una piccola spiaggetta per mamme e piccini. Una chicca le cabine d’antan anni Cinquanta.

10. Grignano 1 ovvero Stabilimento Balneare Sirena Nella suggestiva location della baia di Grignano la struttura offre due piscine pensate per famiglie e giovanissimi. A misura di bambino!

11. Grignano 2 ovvero Stabilimento Balneare Riviera Situato ai piedi dell’hotel Riviera e raggiungibile dall’alto anche tramite ascensore (ebbene sì!), questa struttura offre ai suoi ospiti pace e tranquillità.

riviera

12. Lungo la Costiera è possibile calarsi lungo diversi sentieri ripidi che portano al mare. Uno di questi si incrocia al numero 172 (ristorante Tenda Rossa, per darvi un riferimento): percorrendolo giungerete al porticciolo di Santa Croce. Se invece imboccate le scalette all’altezza del civico 216 vi ritroverete in una spiaggetta libera, solitaria…e immersa nel verde! Sono luoghi davvero unici.

13. Spiaggia libera dei Filtri Vi si accede scendendo la via Auguste Piccard e affrontando 64 gradini (siamo all’altezza del bivio di Santa Croce, per intenderci). Il posto è davvero caratteristico: spiaggia con sassolini, mare cristallino e qualche pino marittimo che vi garantirà un po’ di frescura dal caldo estivo. Da qui potrete inoltre ammirare le caratteristiche “pedocere” e scorgere il Castello di Miramare. E se vi fermate fino a sera potrete cenare al Bellariva.

missclaire3

14Filtri FKK Spiaggia libera per nudisti. Una volta passata la terrazza del Bellariva vi basterà seguire il bagnasciuga direzione porticciolo: superate un piccolo boschetto e sarete giunti a destinazione. Immersi nella natura.

missclairespiaggie5

missclairespiaggie

15. Liburnia All’altezza della galleria naturale, proseguendo verso Sistiana, incrocerete un parcheggio sulla sinistra; qui scorgerete un sentierino che vi porterà alla spiaggia libera per naturisti.

liburnia

missclairespaiggie2

16. Canovella degli Zoppoli Posta tra la galleria naturale e le Ginestre (per arrivarci dovrete calarvi per un sentiero) è secondo me uno dei più bei tratti di costa. Nel porticciolo adiacente la spiaggia troverete un bar, spartano, certo, ma molto caratteristico. Anche qui sarete immersi nella natura: rocce da una parte, sassolini bianchi sotto ai piedi e…il mare.

canovellaestago2005

p1030077

17. Le Ginestre Un posto davvero unico. Il nome è dovuto al fatto che, guardando il mare cristallino, alle vostre spalle avrete le falesie ricoperte da cespugli di ginestre. La spiaggia è una distesa di ciottoli bianchi; qui potrete noleggiare ombrellone, sdraio, lettino e…c’è pure un bar! Questo luogo incantevole negli anni Sessanta riuscì a stregare persino Mina, di passaggio in zona per una tournée.

18Costa dei Barbari Raggiungibile percorrendo una stradina proprio sotto l’uscita della strada provinciale, si tratta di una spiaggia per naturisti con ghiaia e candidi ciottoli totalmente immersa nella vegetazione. È inoltre una delle poche in Italia ad essere gay friendly.

costa-dei-barbari

19Beach Club Portopiccolo a Sistiana. In perfetto stile Saint-Tropez, esclusivo e ricercato, qui potrete vivere un’esperienza vip. Piscine a sfioro, mare cristallino e servizi di ogni genere, Wi-Fi compreso.

falisia-resort-spa-portopiccolo-beach-club-sea-view

20. Spiaggia libera del Cohiba Situata sul lato sinistro della baia, racchiude in un’unica area vari servizi quali sdraio, lettini, ombrelloni e docce. Immancabile un lounge beach bar per sorseggiare qualcosa di fresco tra una nuotata e l’altra.

21. Stabilimento Castelreggio nella baia di Sistiana. La spiaggia è una distesa di ciottoli bianchi; e se vi assale la fame potrete mangiare qualcosa di buono presso il ristorante con bar presente sul posto. Comodo.

22. Ex Caravella Tra Sistiana e Duino, nella zona dell’ex cava, sorge questa incantevole spiaggia a piccoli ciottoli. La chicca? Potrete nuotare a due passi dall’incantevole castello di Duino!

sistiana

23. Stabilimento Dama Bianca a Duino. Si tratta di una spiaggia che vanta, tra le altre cose, una terrazza con bar e ristorante. In una parola: esclusivo.

E voi? Cosa aspettate? Tutti al mare!

missclairespiaggie7

Share / CondividiShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
  1. Mi pare manchi (e sarebbe al n° 24) la spiaggia a mio avviso più bella in assoluto… forse perché abbastanza difficile da raggiungere via terra!

    Non dico qual è perché preferisco la conoscano in pochi 😀

    1. Bravo Luca, non sveliamo troppo! Ci sono ancora dei piccoli luoghi nascosti, che li teniamo stretti stretti per noi 😉

Commenta