24 Marzo 2016

Draw : piatti crudi e slow coffee!

A Trieste nasce una nuova concezione di locale …

Vivo in una città di 250.000 abitanti, ma è come se tutti ci conoscessimo, sappiamo sempre tutto di tutti ancor prima che quei tutti sappiano qualche cosa di loro!
Da qualche tempo, infatti, si spifferava che Walter Gustin, già proprietario di altri locali a Trieste come il mitico 040 Social Food (dove si possono mangiare gli hamburger più buoni della città), L’Antico Panada (con i suoi piatti tradizionali), Il Giardino Tergesteo (con proposte vegane e vegetariane), ed in fine La pizzeria di fronte al Verdi (pizze gourmet con farina macinata a pietra e lievitazione di due giorni), ecco proprio lui, stava creando qualche cosa di nuovo: si parlava di crudo! Non si tratta di prosciutto, ma di piatti crudi, fatti espressi al momento, utilizzando frutta, verdura, carne o pesce, tutto rigorosamente non cucinato!
Appena ho sentito di questa novità particolare e divertente, ero già pronta ai blocchi di partenza per provare l’ultima tendenza in città. Ho aspettato qualche giorno dalla grande apertura (il 4 Marzo) e mi sono precipitata là il sabato mattina alle 9.00, in orario di apertura, sperando di trovarlo un po’ meno affollato.
Non faccio in tempo a entrare e sento già che sposerà i miei gusti: una vecchia bici appoggiata al muro, un secchio vintage che funge da posacenere, ed un ingresso a porte spalancate che mi fa scorgere il “Paese delle Meraviglie” per MissClaire!

MIss_Claire_Draw_Food-1000
Un tripudio di recupero, riciclo e una formidabile ristrutturazione hanno fatto meraviglie per questo spazio che, fin poco tempo fa, ospitava un’officina! Alla mia sinistra degli scaloni di legno (ottimo spazio contenitivo per le bottiglie) su cui sono adagiati piccoli tavolini di modernariato e suppellettili: mi ricorda un locale di qualche grande città Europea. Sulla destra due graziosi angoli “salottino”, con poltrone rivestite di tessuti particolari che si bilanciano perfettamente nei loro colori e geometrie.

MIss_Claire_Draw_Food-1014
Dal soffitto pendono cestini di metallo con piante a caduta e verso il fondo del locale ecco un bancone da lavoro rivestito di zinco che farebbe perdere i sensi anche alla persona più insensibile a questo stile!

MIss_Claire_Draw_Food-1040

MIss_Claire_Draw_Food-1033

MIss_Claire_Draw_Food-1041

Per i miei gusti e la mia idea di recupero e valorizzazione del passato devo dirvi che l’ho trovato INCANTEVOLE!
Incontro Walter (con cui avevo già lavorato in passato), e mi congratulo con lui chiedendogli chi è l’architetto di questa bellezza e la risposta mi ha davvero colpita : lui e sua moglie Emanuela Perotti!
Dopo cinque minuti di complimenti, mi siedo al tavolo e …. COSA VEDONO I MIEI OCCHIIIIIIIIII????? I syphon coffee ( italianizzati in “ sifoni”) che servono per la preparazione dello Slow coffee!

Sono definitivamente conquistata!
Proprio poco tempo fa ho scritto un articolo sulla mia concezione del caffè al ristorante, e oggi mi ritrovo qui ad ammirare il pioniere Triestino di questo nuovo metodo di preparazione (che assomiglia molto alla moka).
Secondo voi, che cosa ho ordinato? Proprio il sifone! Che bello poter bere qui, nella mia città, un caffè fatto in una maniera diversa; finora potevo farlo solamente quando andavo nelle caffetterie delle grandi città.

MIss_Claire_Draw_Food-1001

MIss_Claire_Draw_Food-1002

MIss_Claire_Draw_Food-1011

MIss_Claire_Draw_Food-1012
La filosofia è proprio quella di regalarsi una pausa, sedersi al tavolo in tranquillità e prendersi del tempo mentre si aspetta lo slow coffee!
Decido di concedermi anch’io un po’ di calma, così accendo il pc e incomincio a lavorare sorseggiando il caffè. Concentrata sul mio schermo, non mi accorgo delle ore che passano ed è quasi ora di pranzo.

MIss_Claire_Draw_Food-1024
Chiedo un menù perché sono curiosa di provare PER VOI qualcosa di crudo!
S’inizia con il piatto di crostini: di solito ci si aspetta del pane con qualche cosa sopra. Ebbene no! Il pane qui non c’è (sempre che non sia esplicitamente richiesto) e i crostini sono tre diversi tipi di leggerissime sfoglie, asciugati a 42° nell’essiccatore:
- Barbabietola e semi di girasole
- Mandorle e pomodoro secco
- Zucchine e cipolle
Queste sfoglie sottilissime e leggere sono accompagnate a tre salsette: avocado, pomodoro e zenzero, ricotta ed anacardi speziata alle erbe.

MIss_Claire_Draw_Food-1046
Poi arriva il momento della tartara OLD TASTE con cipolla, battuta di capperi, semi di senape, rosso d’uovo bio e peperoncino.
E’ una pezza rossa regionale, e gli ingredienti sono tenuti quasi separati, in maniera tale che si possa comporla un po’ a piacimento!

MIss_Claire_Draw_Food-1047
Poi c’è la tartara di tonno, con crema di rafano, olio extravergine d’oliva, sale integrale e una salsetta al kren.

MIss_Claire_Draw_Food-1044
Non poteva mancare il carpaccio di scampo speziato (curcuma, finocchietto, santoreggia e pepe rosa) con la salsa alle alghe e barbabietola.

MIss_Claire_Draw_Food-1049

Infine leggo “spaghetti al lime con porcini secchi trifolati”: ahahahah! Ecco un piatto cucinato che devo assolutamente provare. Ma mi presentano un pentolino con degli spaghetti fatti di listarelle di zucchine con i funghi sopra! 🙂

MIss_Claire_Draw_Food-1051
Insomma, che cosa divertente e diversa! La scelta della materia prima era ottima, tutto fresco e per la maggior parte biologico. Perfetto per un Vegano (non tutti i piatti), per un vegetariano o semplicemente per un curioso d’esperienze diverse!
Sì, mi sentirei di dire che Draw è un locale dove potersi sentire a casa, dove poter passare delle ore senza rendersi conto del passare del tempo, una nuova concezione di spazio dove emerge l’idea di convivialità e dello stare assieme.
Come spesso accade devo assolutamente farvi provare la mia stessa esperienza, e questa volta lo voglio fare con lo Slow Coffee che a me è piaciuto tantissimo! Fino al 30 Aprile 2016, se andate da Draw potrete prendervi una pausa di relax con un caffè fatto con il sifone e offerto da me!
Portate un’amica, un amico, o andate da soli con il pc per trovare un po’ di tranquillità e godervi questo caffè unico!
Usate la solita parola magica: “Mi manda MissClaire” e potrete vivere la mia stessa esperienza 🙂

Photo: Andrea Zangrando

MIss_Claire_Draw_Food-1053

MIss_Claire_Draw_Food-1042

MIss_Claire_Draw_Food-1031

MIss_Claire_Draw_Food-1015

MIss_Claire_Draw_Food-1019

MIss_Claire_Draw_Food-1020

 

 

L'articolo si trova in: 

Condividi l'articolo

Ti potrebbe interessare anche:

Alla scoperta di Trentodoc

Quattro giorni nelle vigne tra bollicine e luoghi incredibili
“Ciao Chiara, vuoi essere dei nostri per un tour organizzato da Trentodoc a metà giugno?”.   Tutto è iniziato così,…
Scopri altro

A Carnevale ogni crostolo vale

Una ricetta antica per un dolce che non stanca mai
Non abbiamo ancora finito di smaltire panettoni e pandori natalizi ,che i dolci tradizionali del carnevale tornano puntuali a farci…
Scopri altro

Relaix & Chateaux Rosa Alpina a San Cassiano

Ricordi e nuove scoperte nel cuore delle Dolomiti
San Cassiano è un paesino della Val Badia che mi riporta indietro all’immensa gioia delle vacanze sulla neve passate con…
Scopri altro

Etica e sostenibilità in campo food: mi preparo per CARE's 2018

Un evento unico in Alta Badia tra laboratori, cene ed incontri con chef stellati
S come sostenibilità. E come etica. T come territorialità. Sono solo alcuni dei cardini attorno ai quali ruota CARE's, kermesse…
Scopri altro