Tomoko Tokuda

Gioielli artigianali ricavati da orologi senza tempo

Fin da piccola questa giovane designer di origini giapponesi aveva il pallino degli orologi.
Arrivata a quattro anni in Italia per il lavoro del padre, studia in Francia laureandosi in Storia dell’Arte ma poi torna a Milano per specializzarsi come modellista.

E’ nel 2004 che scocca la scintilla che la farà creare dei bijoux unici al mondo: in un mercatino dell’usato vede una scatola piena di orologi vecchi, che nonostante la patina di polvere scintillano, come in cerca di una nuova esistenza.

tomoko_03

Incomincia la sua avventura: ridare vita agli orologi, in una nuova veste, moderna e leggera, utilizzando i quadranti e nuovi materiali abbinati. Alla fine 2004, sotto il nome “Rue des Nanettes” , nome della Via dove Tomoko abitava a Parigi, incomincia il suo lavoro, per poi fondare nel 2005 l’omonimo marchio e da quel giorno di strada, e di creazioni, ne ha fatte tante.

tomoko_01

Quello che mi ha colpito di Tomoko Tokuda è proprio la sua capacità di creare un’armoniosa grazia per questi pezzi unici e irripetibili, sicuramente frutto della sua cultura poliedrica, in perfetto equilibrio tra precisione e leggerezza giapponesi, stile e classe francesi, design e innovazione italiani.

tomoko_02

Tomoko stessa è così, animata dalla passione e totalmente dedicata alle sue creazioni, che le richiedono anche mesi di lavoro per un solo pezzo e che la occupano per tutta l’attività a loro collegata: dalla scelta della “materia prima” nei vari mercatini, alla selezione delle altre parti che compongono i gioielli (pietre dure, cristalli, Argento 925 placcato oro o 14K/20Golg Filled, plexiglass), dalla realizzazione del packaging (sofisticato nella sua semplicità), fino al contatto coi pochi e selezionatissimi punti vendita, a cui trasmette il valore del suo lavoro certosino.

tomoko_04

In un anno realizza due collezioni, l’ultima era impreziosita da un bagno in oro dei vari componenti, da piccole perle e pietre. I pezzi più pesanti creano la “struttura” di collane e bracciali, quelli più leggeri vengono utilizzati per gli orecchini, facili da portare anche quando i volumi crescono.

tomoko_06

Le sue asimmetriche e oniriche creature non passano inosservate, me ne innamorai anni fa e mi capita spesso di sentirmi chiedere “chi è l’artista di quest’opera d’arte?”, a volte anche da sconosciute che mi fermano per strada!

Questo mi rende felice di averla scoperta ma un po’ gelosa di condividerla con gli altri, se non con persone speciali: le amiche per un regalo super e voi followers di Miss Claire, perché vi voglio bene!

www.tomokotokuda.com

tomoko_05

Commenta

Tomoko Tokuda

Hand made jewelry from old timeless watches…

Since she was young, this designer with Japanese origins had a thing for watches. She arrived in Italy at the age of 4 for her father’s job, she studied in France where she graduated in History of art, but she then returned to Milan to specialize as a model maker. In 2004 she starts creating unique jewelry: in a little flee market she found a box filled with old watches, shiny even if covered in dust, just waiting for a second chance.

tomoko_03

This was the beginning of her adventure: reviving these watches, a new shape, modern and light, using parts of them combined with modern material. By the end of 2004, with the name “Rue des Nanettes” the name of the street where Tomoko live while in Paris, she started creating, and in 2005 she founded the brand with her name, and since then she has made many pieces.

tomoko_01

What amazed me of Tomoko Tokuda was her capacity to create a harmonious grace for these unique pieces, that are surely the result of her mixed cultural experience: a perfect balance between precision and lightness of Japanese culture, the class and style of the French and Italian innovation and design.

tomoko_02

Tomoko’s personality is the same, moved by passion and totally dedicated to her art, and sometimes a single item requires months of work, capturing all her attention also for all the connected work: she starts by looking for the main materials in a flea market and then she chooses the other parts that make up the jewelry (stones, crystals, sterling silver, gold or Plexiglas), and ends with the packaging (simple yet sophisticated) and also keeps in contact with the few and selected stores that share her passion for her beautiful work.

tomoko_04

Every year she creates 2 collections, in her last some items were covered in a layer of gold, like some small gem or stones. The heaviest pieces create the structure for bracelets and necklaces, and the lightest are used for earrings, easy to wear even when they are richer in volume.

tomoko_06

Her creations are often asymmetrical, almost dreamlike. I loved them from the first moment, and people often ask: “who made this fantastic piece of art?”. Sometimes even strangers have stopped me along the street to ask about them.I’m really glad to have discovered her but I’m also slightly jealous about sharing her with others, if not with special people: my friends on special occasions and the followers of Miss Claire, because I adore you!

www.tomokotokuda.com

tomoko_05

Commenta