Okrepčevalnica (spuntino) Ruj: cucina del territorio e tanta fantasia!

Una capatina in Slovenia a Dutovlje per assaporare le squisitezze di Peter Patajac

Prendere la macchina, fare cinque minuti di strada ed arrivare in un altro Stato per scoprire nuovi gusti e territori:  la bellezza dell’abitare in una città di confine si traduce anche in questo!

Oggi vi porto da Ruj a Duttogliano (Dutovlje), un piccolo paesino a 6 chilometri dal confine di Monrupino.

Qui, immersi nella natura del Carso, a 300 metri sul livello del mare, anche nelle giornate di caldo estivo è possibile trovare il tanto agognato refrigerio. Bastano infatti quei 3 gradi in meno rispetto alla città, un po’ d’aria…e l’afa di queste ultime ore è solo un ricordo. Ma poi volete mettere la piacevolezza di pranzare sotto ad un pergolato di glicine?

ruj-missclaire-4

ruj-missclaire-33

ruj-missclaire-19

Conosco Peter da molti anni; ho avuto il piacere di vivere questo ristorante fin dai sui albori, e ricordo con quanta passione ha incominciato nel 2002! Fiore all’occhiello sono i suoi piatti sempre ricercati e la selvaggina ineccepibile.

ruj-missclaire-7

ruj-missclaire-39

Certo, sono passati molti anni da allora, e la sua conoscenza è cresciuta insieme a lui; Ruj è rimasto sempre il suo piccolo scrigno dove conservare i più bei gioielli. La vita lo ha portato ad ampliare la sua esperienza aprendo altre cucine in Slovenia e a sperimentare nuove ed emozionanti avventure, come il primo ristorante Tapas con prodotti del Carso a Ljubljana (2013-2015).  Ma il suo cuore è rimasto sempre tra le mura di questa casa carsica, nel SUO territorio.

ruj-missclaire-37

Ho pensato che dovevo parlarvene perché lui è stato tra i primi a comprendere il valore della propria terra e delle sue tradizioni. Sicuramente non l’unico, chiaro. Ma un ristoratore/chef che credeva – e crede – in questi valori, quando altri si approcciavano al molecolare e alla cucina in chiave “moderna”, merita di essere elogiato. E lui a questi piatti 2.0 contrapponeva (e contrappone!) ricette semplici. Della nonna.

Peter è davvero speciale: è sì moderno, curato, creativo ma senza esagerare troppo.

Molto schietto e un po’ introverso; non saprei dipingerlo diversamente. Se dal menu scegliete una portata e uno solo degli ingredienti di cui si compone è terminato, lui rifiuterà l’ordine. Non cambierà la materia prima pur di servire ugualmente quel piatto.

«La stagionalità non la seguo – continua – come potrei altrimenti proporre un pomodoro a dicembre?». La sincerità è insomma il suo punto di forza; è presente in ogni singola cosa che fa, portandolo talvolta ad essere asincrono rispetto alla banda.

Ma ora veniamo a noi…cosa si mangia qui? Il suo “cavallo di battaglia” (mi sentirei di dirlo) è la carne di selvaggina, ma noi non partiremo da qui. Ci arriveremo.

Partiamo dalla lista vini, una ricca scelta di etichette slovene selezionate accuratamente dal Carso alla Valle di Vipava, per arrivare all’estremo nord-orientale a Jeruzalem (vi ricordate che ve ne avevo già parlato? Ecco l’articolo a riguardo http://www.missclaire.it/travel/un-tour-tra-jeruzalem-e-ljutomer-in-slovenia/).

ruj-missclaire-36

Ma passiamo al food! Come antipasto un ottimo piatto freddo per combattere il caldo estivo è un toccasana…e io mi sono fatta sedurre da un carré di maiale cotto sottovuoto a bassa temperatura, servito su crema di fagioli bianchi e menta. Non mancava anche l’insalatina di finocchio.

ruj-missclaire-1

ruj-missclaire-2

Era proprio quello che ci voleva per aprire le danze! La sua delicatezza ed il suo sapore ti aprono l’appetito.

A seguire, sotto ad una montagnola di verdure marinate e cubetti di pecorino primo sale – sì, proprio lì sotto – si nascondeva una polenta di farina bianca macinata a pietra. TIEPIDINA. Una delizia il contrasto freddo/caldo.

ruj-missclaire-15

ruj-missclaire-17

ruj-missclaire-16

E poi? Ognuno ha i suoi difetti. Io non sono riuscita a rinunciare ad un vero MUST. La pasta al tartufo con crema di pecorino e sorpresa le zucchine. Amici, da leccarsi i baffi!

ruj-missclaire-31

A ruota è poi arrivato il RE indiscusso: il filetto di capriolo cotto nello strutto, con pere saltate e riduzione di mele.

ruj-missclaire-22

Devo ammettere che quando Peter mi ha presentato il piatto, alla parola “cotto nello strutto” mi sono preoccupata. È Agosto, pranzo, 40 gradi, STRUTTO -> AIUTO!

Nulla di più sbagliato! Un sapore incredibile, la croccantezza esterna della carne ed un leggero sapore di timo, uniti ad un cuore morbido e succoso…beh, questo piatto era uno spettacolo di sapori! La pera e la sua dolcezza si sposavano a meraviglia con gli altri ingredienti. Ecco, solo a scriverlo mi aumenta la salivazione.

E così che tristemente (quando si sta bene il tempo vola) siamo arrivati al dolce.

La proposta è stata semplice, siamo rimasti sul classico con una crostatina fatta a regola d’arte con il burro, le uova e gli ingredienti che a lei si convengono. Ad arricchirla una morbida crema pasticcera e delle dolcissime albicocche marinate con anice stellato.

ruj-missclaire-27

Sì ma…non è finita. Perché ad accompagnare questa delizia ecco spuntare la fantasia con tre piccole e sfiziose palline di gelato: albicocca, cioccolato bianco e salvia e basilico. SUPER GOLOSE!

ruj-missclaire-26

ruj-missclaire-24

Insomma, che ne dite? Ne vale la pena, vero?

Ah, quasi dimenticavo. Da Ruj potrete acquistare anche delle formidabili marmellatine assolutamente home made, dai gusti più svariati e vivaci. Qualche esempio? Fichi nel Refosco, rabarbaro, ribes e molto altro.

ruj-missclaire-11

ruj-missclaire-12

Potevo non tornare a casa con questo zuccheroso souvenir?

Beh, ora tocca a voi. La strada ve l’ho indicata, alcuni dettagli del menù ve li ho svelati…non vi resta  che provare 😉

Buon appetito a tutti!

 

IndirizzoDol pri Vogljah 16, 6221 Dutovlje, Slovenia

 

Ph. Tanja Tuta

ruj-missclaire-5

ruj-missclaire-6ruj-missclaire-10

ruj-missclaire-8

ruj-missclaire-20

Share / CondividiShare on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Commenta